Forse sapete che Lione è la terza città della Francia dopo Marsiglia e Parigi, che i suoi abitati si chiamano lionesi (una sorta di piccoli leoni) e che nel mese di dicembre ospita il famoso Festival delle Luci. E’ una città antichissima, attraversata dai due fiumi Rodano e Saône, meta ideale per un weekend in famiglia, con gli amici, o una gita romantica. La capitale della Gallia, sì sto parlando di Asterix ed Obelix, offre sempre un tripudio di attività ed eventi, probabilmente perché i lionesi fanno ancora uso della pozione magica. Se avete programmato un paio di giorni a Lione e volete qualche dritta per orientarvi tra le mille attività oltre ai famosi punti di interesse vi proponiamo 7 cose da fare e vedere a Lione quasi durante tutto l’anno.

Come arrivare a Lione con GoEuro:

1. Passeggiare lungo i fiumi Rodano e Saône

GoEuro: Lione cosa vedere - fiume Saone

Vista sul fiume Saône

Passeggiare lungo la riva dei due fiumi che attraversano Lione, il Rodano e la Saône, è una delle cose gratis e molto piacevoli che potete fare in questa città, soprattutto nelle giornate di sole. Potete ammirare la città da una posizione particolare ed osservare le spettacolari manovre delle grandi barche sul Rodano. Se amate gli sport estremi potete mettervi alla prova in uno degli skatepark che si trovano lungo il percorso. Nelle serate primaverili e in estate il punto d’incontro è nei pressi del ponte Guillotière, sulla riva destra del Rodano.

Passare un pomeriggio di sole al Parco della Tête d’Or

Vi consigliamo di concludere la vostra passeggiata con un tour del Parco della Tête d’Or, che si trova lungo il Rodano a Nord-Est della città. Con 117 ettari è il parco più grande di Lione, il polmone verde della città. E’ il luogo ideale per rilassarsi durante la bella stagione, scoprendo le piante e i fiori coltivate nelle serre del giardino botanico e ammirando gli oltre 400 animali dello zoo, tra cui giraffe, zebre, coccodrilli e leoni.

2. Un assaggio o meglio un tuffo nelle prelibatezze della cucina lionese

GoEuro: Lione cosa vedere - Marron Glace

Fare il pieno di Marron Glace

Lione è anche una mecca della gastronomia francese. I piatti tipici della tradizione comprendono Coq au vin, Cervelle de canut (una deliziosa crema di formaggio alle erbe), patate alla lionese,  insalata alla lionese,  rosette de Lyon (il salame tipico), cardi gratinati, e marron glace anche se la loro paternità è reclamata anche dall’Italia. Vi consigliamo di gustare queste prelibatezze locali facendo un tour dei più famosi Bouchons (antiche osterie) accompagnandole con qualche bicchiere di vino della regione, Beaujolais, Côte-du-Rhône o  vin de Bourgogne. Le Sathonay, Les Fines Gueules, Le Bouchon de l’Opéra, La Hugonnière, Le Saint Cochon e  La Tête de Lard sono alcune delle antiche trattorie di Lione che saranno capaci di ravvivare le vostre papille gustative.

Cenare a La Brasserie Georges

Fondata nel 1836, La Brasserie Georges è una vera e propria istituzione a Lione. Rinomata per le sue lussuose decorazioni e l’alta qualità del servizio, può saziare fino a 550 persone a pasto, e produce la sua propria birra! Nel corso degli anni ha sfamato numerose celebrità, da Edith Piaf a Emile Zola, Jules Verne e Antoine de Saint-Exupéry, passando per Ernest Hemingway e Jacques Brel.

3. Darsi alla vita notturna

GoEuro: Lione cosa vedere - concerto

A Lione sanno divertirsi e fare festa, di questo siamo sicuri. Oltre a visitare la città durante il giorno, quando cala il sole potete scoprire una Lione diversa, ma altrettanto seducente, fatta di bar, club e discoteche dove rimanere fino a tarda notte. Se cercare qualcosa di insolito potete optare per uno dei bar-galleggianti come Marquise, Star-Ferry, Passagère o Le Sirius  che vi accoglieranno sulle rive del Rodano. Se vi piace la birra non potete non passare per Le Palais de la Bière (letteralmente il palazzo della birra!), Les Berthom, o Les Fleurs du Malt specializzati appunto nel nettare degli dei. Mentre se siete in vena di festeggiare vi consigliamo Red House, l’Abreuvoir, les Valseuses o ancora la Taverne du Perroquet Bourré. Infine, se ancora vi reggete in piedi o per voi la notte è appena iniziata, potete scegliere tra numerosi club dagli stili differenti  l’Opéra Rock, le Marais, la Salsa, le Sucre, le DV1 o l’Ayers Boat Rock. Consigli validi anche se decidete di passare l’ultimo dell’anno a Lione.

Un concerto da Ninkasi

Ninkasi è sia una catena di bar e ristoranti, che una marca di birra con sede a Lione. Dei suoi otto stabilimenti (Gerland, Guillotière, Hôtel de Ville, Croix-Rousse, Sans-Soucis, Saint Paul, Cordeliers, Gratte-Ciel) il più grande è sicuramente Gerland che comprende un bar, un ristorante ed un teatro. Con un totale di oltre 100 concerti l’anno Ninkasi Gerland ospita artisti nazionali ed internazionali.

4. Un corso accelerato di storia del cinema

GoEuro: Lione cosa vedere - sala cinematografica

Lione è la patria del cinema. E’ qui che i fratelli Lumière hanno inventato e testato la cinematografia intesa come registrazione e proiezione su di uno schermo di una serie ravvicinata di fotogrammi. Ma la settima arte è ancora di casa a Lione come testimoniano le numerose sale cinematografiche della città, tra cui le Pathé Bellecour, l’UGC Astoria ed il cinema indipendente Comoedia che più di tutti tiene alto lo spirito della tradizione. In ogni caso, sia che siate amanti dei film blockbuster , preferiate il cinema d’autore o i corti, non rimarrete delusi.

Un film all’Institut Lumière

L’Institut Lumière è sia un museo del cinema che una sala cinematografica. Si trova in Rue du Premier Film, nell’antica dimora dei fratelli Lumière. Se amate il cinema questo è il posto giusto per fare il pieno di grandi classici accompagnati da una grande porzione di pop-corn. E se visitate Lione durante il Festival Lumière, che si ripete ogni anno, avrete la possibilità di incontrare registi del calibro di Ken Loach, Clint Eastwood, Quentin Tarentino o Pedro Almodóvar. Un sogno, anzi un film!

5. Girovagare tra i quartieri storici della città

GoEuro: Lione cosa vedere - Traboule

Un tipico traboule nella Vieux Lyon

Per scoprire una città bisogna camminare e lo stesso potete fare a Lione, iniziando dal suo centro storico. Fondata ufficialmente dai romani nel 43 a. C. che gli diedero il nome di Lugdunum, in latino fortezza del dio Lúg, la suprema divinità dei Galli, Lione è ancora considerata la Capitale della Gallia. Alcuni quartieri della città raccontano una storia millenaria e presentano un fascino particolare. Ad esempio passeggiando per la Vieux Lyon (la città vecchia) potrete scoprire, oltre a negozi originali e deliziosi café, i famosi traboule. I traboule sono stretti passaggi pedonali costruiti a partire dal Medioevo che attraversando le corti degli edifici permettono il passaggio da una strada all’altra, di questi la maggior parte è accessibile al pubblico. Dopo aver camminato tra i traboule potete risalire la collina e visitare un altro quartiere storico: la Croix-Rousse. Bastione della Rivolta dei Canut ( i tessitori di seta) che qui soggiornavano, e in seguito della Resistenza, questo quartiere deve il suo nome alle caratteristiche tegole rosse che decoravano il tetto dei suoi edifici.

Ammirare il panorama della città dalla collina di Fourvière

GoEuro: Lione cosa vedere - Basilica di Notre-Dame de Fourviere

Visitare la Basilica di Notre-Dame de Fourvière

Raggiungibile con la funicolare dalla stazione metropolitana di Vieux Lyon, la collina di Fourvière è piena di sorprese. Potete visitare la Basilica di Notre-Dame de Fourvière, uno dei simboli di Lione, il sito archeologico del teatro romano e il museo della civiltà gallo-romana, dove si trova anche la preparazione dell’arrosto di cinghiale che tanto amava Obelix. Ma il motivo principale per salire sulla collina di Fourvière è ammirare il panorama della città e scattare foto da copertina, nei giorni di sole si possono intravedere anche le Alpi e il Monte Bianco!

6. Partecipare a qualche festival

Lione cosa vedere - Festival delle luci

Lione illuminata durante la celebre Fête des Lumières

Ormai l’avrete capito, Lione è un centro culturale particolarmente attivo. Ogni anno vengono organizzati numerosi festival che spaziano all’interno di diverse categorie artistiche. Se amate l’hip-hop avrete la possibilità di assistere all’esibizione dei migliori rapper, DJ, B-Boys e writer di Francia partecipando all’ Original Festival. Se preferite la musica alternativa potete scegliere tra Riddim Collision e il Rumble Festival. Se invece siete da musica elettronica al Nuit Sonores potrete ballare tutta la notte sulle note dei migliori artisti della scena elettronica nazionale ed internazionale.

Partecipare alla Fête des Lumières

La Fête des Lumières è un evento importante, indimenticabile. Per 4 giorni intorno all’8 dicembre circa 4 milioni di visitatori si riversano nelle vie di Lione per ammirare il tripudio di luci e installazioni che animano la città.

7. Scoprire la Lione contemporanea

GoEuro: Lione cosa vedere - quartiere Confluence

Scoprire il quartiere e il progetto La Confluence di Lione

Anche se Lione è una città antica, continua a rinnovarsi sempre. L’esempio più lampante della sua capacità di risorgere dalle ceneri come una fenice è forse il quartiere La Confluence. Questa zona di 150 ettari che si trova proprio alla confluenza dei due fiumi Rodano e Saône, era un distretto industriale fino a quando è stato abbandonato per la crisi del settore. Il progetto di riqualificazione La Confluence è iniziato nel 2003 e da allora ha completamente trasformato la morfologia dell’area. Visitandola si ha la sensazione di essere in una città del futuro. Ci sono edifici surreali progettati di architetti di fama mondiale quali Herzog & De Meuron,  Kengo Kuma a Massimiliano Fuksas, un acquario, un centro commerciale, una pista di pattinaggio, un cinema, e il Musée des Confluences, la cui architettura vi lascerà senza fiato.

Ammirare la Cité Internationale

Costruita sul sito dell’antica fiera di Lione tra il Rodano e il Parco della Tête d’Or, Cité Internationale è una bella espressione della Lione contemporanea. Un complesso di edifici progettato dal celebre architetto Renzo Piano che ospita il centro congressi, la sede globale dell’Interpol, il Museo d’arte contemporanea, l’hotel Hilton di Lione, un cinema e un Casino.